COVID19 – VACCINO SI o VACCINO NO…!?

PERCHE’ NON MI VACCINERO’…!
L’OBBLIGO di vaccinazione viola: 
– l’art. 32 della Costituzione della Repubblica Italiana,
– l’art. 5 del Trattato Internazionale di Oviedo,
– l’art. 1 del Codice di Norimberga,
– l’art. 3 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.
BUGIARDINO DEL FARMACO:
a) Abbiamo un triangolo nero capovolto, il che significa che il farmaco “vaccinale” è a monitoraggio addizionale, quindi, è ancora in fase di sperimentazione.
b) C’è una descrizione gravemente insufficiente degli “eccipienti” di questo farmaco vaccinale. Vengono infatti riportati solo alcuni di essi, quando  invece, l’elenco dovrebbe riportarne molti di più.
c) Tra gli “eccipienti” dichiarati, risultano esserci:
«Covid-19 vaccine, contiene organismi geneticamente modificati (OGM). Contiene Adenovirus di scimpanzé. Prodotto in cellule renali embrionali umane, geneticamente modificate mediante tecnologia del DNA ricombinante. Contiene polisorbato 80 (apre la Barriera Emato-Encefalica)».
d) Verificato il curriculum delle Case Farmaceutiche che hanno prodotto questi nuovi “vaccini Covid” (in realtà terapie geniche) e cioè:
Pfizer/Biontech
ModeRNA
AstraZeneca
Johnson&Johnson
risulta che tutte, in passato, in molti Paesi del mondo, sono state condannate al risarcimento di miliardi di dollari per i danni provocati dai farmaci e soprattutto dai “vaccini” da loro prodotti.
Nell’obbligarmi a fare questo vaccino io ravvedo:
1. un reato per attentato alla salute pubblica,
2. un reato per attentato alla sicurezza nazionale,
3. un reato per crimini contro l’umanità.
Tutti questi vaccini sono ancora in fase sperimentale e per essere correttamente informati sulla loro efficacia si deve attendere la fine della sperimentazione:
per ASTRAZENECA febbraio 2023
per MODERNA dicembre 2022.
per PFIZER dicembre 2023.


La gestione della pandemia insorta nel 2019, è stata improvvisata e carente sia sotto il profilo medico sia sotto il profilo politico. Sono mancate voci univoche e coordinate. Il piano pandemico italiano risaliva al lontano 2006 e nessuno, mai, aveva provveduto ad aggiornarlo. I dati trasmessi alla popolazione non sono stati corretti ma erano intesi solo a diffondere un’atmosfera di insicurezza e di paura. Sono state rifiutate terapie alternative molto valide e si è provocata la morte di migliaia di pazienti cercando di nascondere le vere cause di questo eccidio mediante la cremazione dei cadaveri senza nemmeno poterne fare le autopsie.
E’ stata volutamente compiuta una serie di atti criminali preordinata a imporre la vaccinazione alla popolazione, nell’esclusivo interesse delle case farmaceutiche.
Sono stati sottoscritti contratti, peraltro prontamente secretati anche nei prezzi e che prevedono delle esenzioni di responsabilità delle Case Produttrici, per eventuali danni causati dai vaccini. In questo modo, le multinazionali farmaceutiche si assicurano non solo profitti scandalosi dalla vendita dei vaccini ma anche l’impunità per un’operazione criminale condotta con la collaborazione e la complicità di istituzioni e governi.
Sappiamo che i termini contrattuali degli accordi firmati dagli Stati e dall’Unione Europea con queste case farmaceutiche sono inaccessibili e segreti. Sappiamo che non solo le stesse case farmaceutiche, non sono responsabili degli effetti collaterali, ma affermano anche che non garantiscono l’efficacia dei vaccini e nemmeno l’immunità al virus.
Sappiamo che per portare a termine questa operazione criminale – poiché di crimine contro l’umanità si tratta – sono stati necessari anni di pianificazione, sistematicamente attuata per indebolire i piani pandemici nazionali e demotivare il personale medico. Il giuramento di Ippocrate è stato, da molti, firmato in nome dei profitti delle aziende farmaceutiche.
(Dal Web)

ALDO ROSSI
Share Button